sabato 3 novembre 2012

L'oscuro mosaico di Ornella Albanese

by Andreina


L'oscuro mosaico è finalmente arrivato in libreria! Sono veramente felice che Ornella Albanese abbia scritto questo libro che si prospetta meraviglioso solo guardando la copertina. Confesso che appena l'ho vista, la mia mente ha elaborato subito una sola parola: bellissima.
Essendo la storia incentrata sul mistero del  mosaico che si trova all'interno della cattedrale di Otranto, la cover rispecchia quella che è l'anima del romanzo; Nonostante questo  sia un sequel del precedente libro L'anello di ferro ( QUI ) può essere tranquillamente letto da solo.  Anche questa volta i personaggi secondari del primo libro sono emersi dal loro ruolo con prepotenza, per cui Ornella Albanese si è dovuta rassegnare e scrivere la  storia su uno di loro! Caspita, non si possono creare figure meravigliose e lasciarle nell'oblio!
Per quanto mi riguarda, questo romanzo dalla cover fantastica verrà  molto presto affiancato a gli altri libri dell'autrice nel loro posto speciale sulla mia libreria...però c'è ancora tanto spazio! Capito Ornella?


Sito ufficiale dell'autrice QUI








Una cattedrale in Terra d'Otranto.
Un mosaico che nasconde la soluzione di efferati delitti.
Un guerriero impavido e un investigatore saraceno di nome Yusuf…


Il fiero Livio si innamora della fanciulla sbagliata, la bellissima e nobile Mirta, promessa fin da quando aveva tre anni al cugino.
Deciso a sfidare tutti pur di conoscerla, il ragazzo viene catturato e punito con ferocia.

Anni dopo Livio è divenuto un cavaliere invincibile, la cui fama lo precede, ma non ha dimenticato né i suoi nemici né Mirta. Quando i loro destini tornano a incrociarsi Livio viene però coinvolto nei misteriosi assassinii di due giovani donne.
Sarà il saraceno Yusuf Hanifa a intuire che la soluzione dei delitti si nasconde tra gli inquietanti mosaici della cattedrale di Otranto.

Livio e Mirta si incontrano dunque ancora una volta per perdersi di nuovo… ma tra efferati delitti, separazioni e vendette, riusciranno forse a superare tutti gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione del loro amore.




Presentazione dell'Autrice

Un pomeriggio a Gallipoli. Guardando il mare, proprio lì dove sembra toccare il cielo, ho intravisto la linea più scura di una terra. Mi hanno detto che si trattava della Calabria e in quel momento, all’improvviso, ho capito come avrei scritto il romanzo di Livio. Vi ricordate Livio, quel bambino “con il cuore nero” che appare ne L’anello di ferro? L’Oscuro mosaico è la sua storia, una vicenda completamente autonoma rispetto al precedente romanzo, legata da fili quasi invisibili. E’ la storia di un bambino che fugge dal proprio passato, già molto difficile, e che diventa adulto con il peso di quel passato sulle spalle. La terra dove lui si rifugia è la Terra d’Otranto e la sua patria sembra lontana, eppure è vicina, visibile sul pelo dell’acqua nelle giornate più limpide.

Passa del tempo, Livio si costruisce una vita nuova, sogna sull’amore come solo un adolescente può fare, ma è un amore proibito ed è di nuovo costretto alla fuga. Diventa un guerriero, un uomo più forte delle proprie passioni, ma i suoi nemici riescono a ordire contro di lui una trama senza vie d’uscita. A questo punto entra in gioco il mosaico. Si tratta del mosaico che ricopre l’intero pavimento della cattedrale di Otranto. Nel complicato intreccio di figure, di animali e di mostri si nasconde una verità davvero difficile da decifrare.
Quello che mi è piaciuto di più, scrivendo questo romanzo, è stato immaginare i luoghi che conosco e che amo guardandoli attraverso gli occhi dei miei personaggi. La Terra d’Otranto, con Lecce, Castro, Gallipoli, le grotte di Roca Vecchia… Passeggiavo per quei luoghi, osservavo la vegetazione senza tempo, le cale, le scogliere, le grotte e cercavo di immaginare come potessero essere quasi mille anni fa. E poi mi è piaciuto dare vita a personaggi che avevo conosciuto solo attraverso poche righe sui libri di storia. Guglielmo il Malo, nella sua residenza arabeggiante di Palermo, circondato da concubine e da eunuchi, il suo consigliere Maione, la complessa personalità di Tancredi d’Altavilla, nipote bastardo del re, che lotta per conquistare un trono che è convinto gli spetti di diritto.
Il romanzo è ricco di vicende e  di personaggi. Su uno sfondo storico molto affascinante, si dipana la storia di un amore forte, quasi violento, che resiste al tempo e che si intreccia a un mistero da risolvere tra le tessere di pietra di un mosaico.


(Fonte)




Estratto del libro

Guardate pure il cielo, ma non dimenticatevi della terra.
 (Lynneth, della Casata di Drengot)

Era una notte senza tempo. Abbracciava la terra come un manto silenzioso, isolandola in un bozzolo di tenebre.
Yusuf Hanifa, il medico guerriero, varcò il portale della torre e uscì in quel buio. Se lo sentì scivolare addosso come materia fluida, tiepido e leggermente umido. Poi lo udì animarsi di un fremito di foglie.
Brezza leggera, pensò, slacciandosi il mantello.
Nella sua vita lui aveva incontrato innumerevoli venti e di tutti aveva amato la forza. Li aveva seguiti o li aveva contrastati perché è questo che gli uomini fanno sulla terra: seguono il vento o si oppongono a esso.
C'erano le raffiche di burrasca che portavano profumi di terre lontane. Percuotevano il mare incupito, gonfiandolo, e scagliavano onde spumose contro la costa.
C'era il vento magico che disfaceva e ricomponeva il paesaggio, nel deserto dei padri, spazzando via le dune di sabbia e ricreandole più in là subito dopo. Vento pungente di mille granelli sottili.


C'erano le folate tese delle colline di Tarsia, che sibilavano tra gli alberi rendendo limpido il cielo e nitido il paesaggio.
E poi lui aveva esperienza anche del vento insidioso che fruga nell'animo degli uomini, portando alla luce antichi rancori e segreti sepolti dal tempo.
Quella invece era una brezza leggera, quasi l'ansito della notte.
Fermo nel cortile, Yusuf ne respirava piano gli odori. Erba tagliata, resina, biada fresca. Si girò piano verso le stalle e avvertì sentore pesante di bestie.
In notti come quelle, Yusuf Hanifa si interrogava sui misteri della vita e non riusciva a decifrarne neppure uno. Un rompicapo attraente e impossibile.
D'altra parte i misteri non sarebbero tali, si diceva, se un piccolo medico arabo avesse avuto il privilegio di svelarli.
Uno scalpiccio leggero lo fece trasalire. I suoi occhi si erano abituati al buio, così riuscì a percepire una piccola ombra veloce. La riconobbe dal rumore irregolare dei passi e con lunghe falcate silenziose la seguì.


Ecco a voi care lettrici, il booktrailer di L'oscuro mosaico, realizzato dalla bravissima Silvia Basile
(Sito di Silvia Basile )






14 commenti:

Anonimo ha detto...

Carissima Andreina,
voglio ringraziarti qui per il bellissimo post che hai preparato e per l'entusiasmo! Tranquilla, ho tutta l'intenzione di riempirlo, quello spazio vuoto!
Un abbraccio,
Ornella Albanese

Endimione Birches ha detto...

mhhhhh...mi ispira proprio!!

Silvia Diablita ha detto...

Ornella mi piace come hai descritto perfettamente le sensazioni che ti hanno accompagnata nella realizzazione di questo nuovo giallo. Concordo con Andreina Doccu, per libri del genere nella mia libreria c'è sempre spazio...quindi Ornella, continua così!

Adele V. Castellano ha detto...

Brava, bravissima Ornella che ci fai sognare in questa terra romantica e ricca di Storia!

Un libro che non mi perderò di sicuro!

Un abbraccio forte!

Anonimo ha detto...

Splendida presentazione Ornella e booktrailer da vera artista (questo è per Silvia).
Miriam

Pinkafé ha detto...

Ragazze per me è sempre un piacere ...quando Ornella scrive un libro, corro subito a sfrattare i libri che provvisoriamente riposavano nello spazietto dedicato agli Albanesini!
^_^
Andreina

Pinkafé ha detto...

Il seguito de "L'anello di ferro"... dalle premesse sembra proprio che la bravissima Ornella Albanese ci abbia regalato un altro libro bello e interessante. E scritto con la consueta classe ed eleganza.Grazie, Ornella!

Faye

Marty ha detto...

Leggere un nuovo romanzo di Ornella Albanese è sempre un piacere! :-)

Marty

Anonimo ha detto...

Vi ringrazio tutte per i bei commenti e per l'affetto! Quanto al video, lavorare con Silvia è bellissimo, si scoprono aspetti del romanzo inaspettati anche per me che l'ho scritto!
Ciao,
Ornella Albanese

Anonimo ha detto...

Non solo la copertina, il booktrailer di Silvia, la tua presentazione, invitano a leggere, Ornella. Quello che davvero m'incanta è il tuo stile, la musicalità della tua prosa, introvabile in romanzi scritti in altre lingue. Paola Picasso

Anonimo ha detto...

Trovo sempre affascinante quando i personaggi secondari bussano alle porte di un' autrice per richiedere attenzione, allora è vero che hanno vita propria e dicono la loro!
In bocca al lupo ad Ornella per questa nuova avventura.
Elnora

Giufo ha detto...

Ho letto con interesse la bella recensione del libro di Ornella Albanese. Vivo ad Otranto e conosco la magia del luogo e di quell'enorme tappedo di immagini che è il mosaico della cattedrale.
Giufo

Anonimo ha detto...

Grazie anche a Paola e a Elnora!
Giufo,spero di aver reso bene la magia di quel tappeto. Ogni volta che entro, è lo stesso brivido della prima volta! Ti regalo poche frasi sul mosaico:
"Era un albero della vita, si stupì, un simbolo che apparteneva
alla sua cultura. Ma quell’albero fioriva di uomini, animali,
mostri e demoni, tutti colti in un gesto, in un contorcimento,
in un impeto che li rendeva vivi.
Non c’era nulla di statico in quei disegni, l’impressione
più forte era che la vita fosse stata imprigionata nella pietra."
Ciao,
Ornella Albanese

Libera ha detto...

Io che l'ho letto vi assicuro che come sempre Ornella ha fatto centro. Forse anche più bello del precedente. Forse, sì. Perché è quasi impossibile scegliere tra tante splendide letture!

Libera

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...